, Alessandro Dadone

In aumento i prezzi delle case in tutta Europa, ma non in Italia (-0,8%)

Che i prezzi degli immobili in Italia non si fossero ancora ripresi dopo la crisi del 2010 era una notizia già presentata dagli studi di mercato di questi anni, che vi abbiamo raccontato anche su questo blog. Questo trend viene confermato oggi dall’Eurostat, l’ufficio studi EU, che registra come l’Italia sia l’unico paese dell’Unione Europea dove i prezzi, nei primi tre mesi del 2019, sono diminuiti (-0,8%) rispetto allo stesso periodo del 2018. Il nostro Paese è quindi la maglia nera di una performance nel complesso positiva sia di tutti gli altri 27 Stati membri dell’UE che dei 18 dell’Eurozona: la media europea vede infatti un aumento dei prezzi dello 0,4% nel primo trimestre 2019.

Si tratta del quarto trimestre negativo consecutivo per l’Italia: a partire dal 2018 si è infatti interrotta la crescita, seppur limitata, dei prezzi degli immobili che aveva interessato i periodi precedenti.

Se analizziamo la variazione dei prezzi nel primo trimestre rispetto non all’anno precedente, ma soltanto rispetto al trimestre precedente (ottobre-dicembre 2018), i prezzi in Italia sono scesi dello 0,5%. In questo caso, il nostro Paese non è l’unico ad aver segnalato una frenata dei prezzi, che ha coinvolto anche altri quattro Paesi europei. La performance a livello comunitario è però positiva, con i prezzi in aumento dello 0,3%.

La storia di Isabella

“Il processo immobiliare tradizionale è stato molto stressante, stress da cui Casavo invece mi ha finalmente liberata!”

Ottieni una valutazione immediata online.