Chevron BackLista degli articoli

Casavo25 marzo, Il team di Casavo

Come si calcola l’IMU 2020 per la seconda casa | Guida completa

https://images.reactbricks.com/original/a3129dec-d00a-4b5b-ae21-39c4c3f05ba9.jpg

Come calcolare l’IMU nel 2020? L’IMU è la tassa che i cittadini sono tenuti a pagare sulla proprietà di alcuni tipi di immobili. L’Imposta Municipale Unica riguarda in particolare la seconda casa, ma viene riscossa anche quando la prima rientra nelle categorie A1, A8 e A9, ossia quando l’abitazione viene considerata di lusso.

Nel 2020 alcune regole riguardanti l’IMU sono cambiate. La modifica principale tocca l’imposta unica comunale (IUC), che è stata abolita e sostituita con una nuova tassa che unisce IMU e TASI. Con la nuova Legge di Bilancio il Governo ha tentato infatti di ridurre la burocrazia del sistema tributario, semplificando la tassazione sulla proprietà degli immobili.

In questo articolo andremo a vedere nel dettaglio come calcolare l’IMU seguendo le nuove direttive del Governo, quando si è tenuti a pagarla e in quali casi è possibile ottenere l’esenzione o una riduzione.

Quando si paga l’IMU: scadenze 2020

Secondo la Legge di Bilancio, l’IMU può essere corrisposta in due rate pagabili a metà e a fine anno oppure in un pagamento singolo da versare entro il 16 giugno. Chi preferisce pagare in due rate dovrà versare l’acconto entro il 16 giugno e il saldo entro il 16 dicembre.

Come si calcola l’IMU 2020: formula

Per capire come si calcola l’IMU per la seconda casa il primo dato che devi consultare è la rendita catastale, ossia il valore fiscale dell’immobile stabilito attraverso parametri fissati dalla legge. Se vuoi conoscere la rendita catastale della tua proprietà – sia questa una casa, un negozio oppure un terreno – il tuo documento di riferimento sarà la visura catastale, disponibile anche online in alcuni comuni.

Di conseguenza, tutto dipende dal tipo di immobile. Inizia sommando la rendita catastale al 5% del suo valore, dopodiché moltiplica il risultato per un valore che varia a seconda della categoria di cui fa parte la proprietà. Nel caso di seconda abitazione, per esempio, il coefficiente di riferimento è 160. A questo punto avrai ottenuto la base imponibile alla quale dovrai aggiungere l’aliquota decisa dal comune in cui è situata la casa.

Come abbiamo detto, il coefficiente varia a seconda del tipo di immobile. Se ti stai chiedendo come calcolare l’IMU su un negozio o come calcolare l’IMU sui terreni agricoli la risposta è semplice: invece di 160, dovrai moltiplicare la rendita catastale rivalutata al 5% per 55 nel caso dei negozi e 135 nel caso dei terreni, prima di aggiungere l’aliquota.

L’aliquota base è dell’8,6 per mille. La Legge di Bilancio, però, permette ai Sindaci di aumentarla fino a un massimo di 10,6 per mille.

Esempio pratico di calcolo IMU

Andiamo a vedere nella pratica come si calcola l’IMU per una seconda casa. Per questo esempio consideriamo una rendita catastale dal valore di 1000€ e una aliquota comunale dell’8,6%.

Ecco i tre passaggi da effettuare:

  1. 1.000 + 5% = 1.050
  2. 1.050 x 160 (coefficiente per abitazioni) = 168.000
  3. 168.000 / 1000 x 8,6 (aliquota 8,6 per mille) = 1.444,80€



L’imposta da pagare, quindi, sarà di 1.444,80€ totali, da dividere in due rate. Il sito delle amministrazioni comunali fornisce un calcolatore automatico con il quale potrai vedere subito quanto dovrai pagare in base alla rendita catastale della tua proprietà.

IMU e categorie catastali

Come abbiamo visto, per poter calcolare quanto pagare di IMU nel 2020 è necessario conoscere il coefficiente catastale. Per quanto riguarda le abitazioni il coefficiente è 160, ma questo può variare molto se la proprietà rientra in una categoria catastale diversa.

Ecco la tabella dei diversi codici catastali, con coefficiente per il calcolo dell’IMU 2020 e la tipologia di immobile annessa:

Categoria catastale
Coefficiente
Tipo di immobile
Da A1 a A11 (escluso A10)
160
Abitazioni
A10
80
Uffici e studi privati
Da B1 a B8
140
Case di cura e ospedali non a scopo di lucro, prigioni e riformatori, uffici pubblici, scuole e laboratori, biblioteche, musei, gallerie, accademie, circoli
C1
55
Negozi
C2, C6, C7
160
Magazzini, stalle e scuderie
C3, C4, C5
140
Laboratori artigianali, palestre non a scopo di lucro, stabilimenti balneari
Da D1 a D10
65
Alberghi, teatri, cinema, sale concerti, case di cura e palestre

Come e dove si paga l’IMU

L’IMU può essere pagata in due modi:

  1. online, grazie all’aiuto di commercialista o di un consulente fiscale
  2. tramite modello F24, disponibile presso tutti gli uffici postali, gli sportelli bancari o sul sito dell’Agenzia delle Entrate.



Per pagare l’IMU sulla seconda casa con il modello F24 ti basterà inserire l’importo da versare nella sezione dedicata a “IMU e altri tributi locali”. Dopo averlo compilato, potrai scegliere se pagare con bollettino postale o con la piattaforma PagoPA.

Ricorda che l’acconto equivalente al 50% dell’imposta è da versare entro il 16 giugno, mentre il saldo con la seconda metà è da pagare entro il 16 dicembre.

IMU: esenzioni e riduzioni

Nel calcolare l’IMU sulla tua seconda casa, tieni sempre a mente che in alcuni casi sono previste delle esenzioni e riduzioni che ti permettono di risparmiare sul versamento delle imposte. La nuova legge stabilisce infatti che le case concesse in comodato d’uso gratuito a parenti di primo grado possono avvalersi di una riduzione del 50% sull’aliquota IMU.

Gli immobili con canone concordato, invece, potranno approfittare di uno sconto del 75%, mentre in caso di immobili appartenenti a organizzazioni senza scopo di lucro è possibile ottenere un’esenzione totale dal pagamento dell’IMU nel 2020.

L’esenzione vale anche per tutti gli immobili adibiti a prima casa, ossia:

  • le strutture appartenenti a cooperative a proprietà indivisa in cui vivono i soci assegnatari o destinate a studenti universitari;
  • i fabbricati adibiti ad alloggi sociali;
  • le abitazioni familiari assegnate a un genitore affidatario;
  • le unità immobiliari non locate di persone appartenenti alle Forze armate, alle Forze di polizia, o al personale dei Vigili del fuoco.



Oltre a questo tipo di immobili, i comuni hanno il potere di identificare come prima casa anche le unità immobiliari vuote possedute da anziani e disabili ricoverati in case di cura. La nuova legge, inoltre, non permette l’esenzione ai soggetti che ricevono una pensione estera e sono iscritti all’AIRE, ma posseggono una casa in Italia.

Seconda casa, sì o no?

A volte è difficile farsi un’idea precisa delle spese legate al possesso di un immobile, ma con questo articolo speriamo di averti chiarito le idee riguardo le imposte sulla seconda casa. Le leggi cambiano spesso e per ogni comune ci sono delle leggere variazioni: per questo è importante essere sempre aggiornati prima di investire nel mercato immobiliare.

Abbiamo visto come si calcola l’IMU sulla seconda casa nel 2020, ora sta a te decidere come, dove e quando procedere all’acquisto. Sulla nostra piattaforma annunci puoi trovare la tua casa ideale: ti aspettano tante offerte disponibili fin da subito a Milano, Torino, Firenze, Roma, Bologna e Verona. Contattaci ora per scoprire come possiamo aiutarti!

10 consigli e idee fai da te per arredare una casa piccola
Casavo

10 consigli e idee fai da te per arredare una casa piccola

Hai una casa piccola e hai voglia di cambiarne l'arredamento? Vieni a leggere i dieci consigli fai da te di Casavo!

10 consigli su come allestire una palestra in casa
Casavo

10 consigli su come allestire una palestra in casa

Voglia di allenarti in casa? Ecco 10 consigli pratici per allestire alla perfezione la tua palestra a domicilio sfruttando al meglio gli spazi.

10 consigli su come arredare e organizzare un piccolo balcone
Casavo

10 consigli su come arredare e organizzare un piccolo balcone

Hai un piccolo balcone? Vieni a scoprire i consigli di Casavo su come organizzare ed arredare il tuo balcone!

Ottieni una valutazione immediata online