Vendi Casa
Compra Casa
casavo
Casavo Perché...
Sei un'agenzia?
Menu
Supporto

Vuoi qualche informazione in più?

Cos’è Casavo?

Vedi Tutte

Parla con noi

La chiamata è a nostro carico
Ti rispondiamo dal lunedì al venerdì
dalle 9.30 alle 17.30 800180476

Casavo Perché...

Chevron BackLista degli articoli

Casavo07 marzo, Il team di Casavo

Bonus e agevolazioni per chi ristruttura casa nel 2022: guida completa!

https://images.reactbricks.com/original/85f4cb85-5991-47c6-9920-3f67b8095fde.jpg

Se stai pensando di ristrutturare la tua abitazione, questo potrebbe essere l’anno ideale per farlo. Con la Legge di Bilancio del 2022 pubblicata nel dicembre scorso, sono state prorogate diverse detrazioni fiscali che incentivano chi desidera avviare dei lavori edili nel proprio luogo di residenza.

Vediamo in cosa consistono, nello specifico, i bonus ristrutturazione casa. Secondo l’Agenzia delle Entrate i contribuenti hanno diritto a detrarre dalla propria imposta sul reddito una parte cospicua delle spese relative ai lavori sostenuti in edifici residenziali. Il 50% delle spese sostenute tra il 26 giugno 2012 e il 31 dicembre 2024 possono essere sottratte dall’IRPEF fino a un massimo di 96.000 euro per ogni unità immobiliare.

Per poter approfittare delle agevolazioni per la ristrutturazione della prima o seconda casa è necessario essere in possesso di alcuni requisiti essenziali. Inoltre, è importante assicurarsi che le spese facciano parte delle categorie descritte nell’ultima manovra finanziaria. In questa guida andremo a vedere:

  • a chi spetta il bonus ristrutturazione casa 2024;
  • quali sono le spese ammesse dalla legge;
  • come procedere per ottenere le agevolazioni ristrutturazione casa;
  • cos’è l’ecobonus e come ottenerlo.

Agevolazioni ristrutturazione casa 2024: chi può ottenere il bonus

Come abbiamo visto, il bonus ristrutturazione casa spetta ai contribuenti che decidono di avviare operazioni di ammodernamento della propria abitazione o nelle aree comuni di edifici residenziali.

L’incentivo fiscale, quindi, può essere richiesto da chiunque paghi le imposte sul proprio reddito. Non vi è nessuna differenza tra prima e seconda casa e non è necessario che sia il proprietario della struttura a fare domanda per il bonus. A beneficiare dell’agevolazione, infatti, possono essere tutte le persone che partecipano alle spese di ristrutturazione.

Possono approfittare dell’agevolazione ristrutturazione casa 2024:

  • proprietari, usufruttuari, nudi proprietari e titolari dei diritti di godimento;
  • locatari o comodatari;
  • soci di cooperative divise o individuali
  • società e imprenditori individuali per edifici che non fanno parte dei loro beni strumentali.

È possibile detrarre dalle imposte anche le spese relative a lavori effettuati in autonomia, calcolando nel bonus tutti i costi collegati all’acquisto del materiale necessario.

Quali spese sono ammesse nel conteggio del bonus ristrutturazione casa?

Il bonus ristrutturazione casa può essere ottenuto solo per gli interventi ammessi dall’ultima Legge di Bilancio. La lista di lavori che permettono di accedere all’agevolazione è lunga, ma per ottenere la detrazione del 50% dall’IRPEF è bene assicurarsi che le opere previste siano incluse tra quelli descritte.

Ecco quindi le categorie di lavori edili valide per l’ottenimento del bonus ristrutturazione casa 2024:

  • tutti i lavori di manutenzione, restauro o ristrutturazione effettuati su immobili singoli o aree comuni di edifici residenziali;
  • la riparazione di edifici danneggiati da calamità naturali;
  • gli interventi riguardanti il posto auto;
  • il miglioramento dell’accessibilità tramite la rimozione di barriere architettoniche;
  • l’installazione di strumenti di sicurezza come cancelli, grate, casseforti o porte blindate;
  • i lavori mirati alla riduzione dell’inquinamento acustico;
  • Tutte le opere finalizzate alla riduzione del consumo energetico;
  • l’implementazione di misure antisismiche;
  • gli interventi che puntano a eliminare o ridurre il rischio di infortuni domestici;
  • la riparazione di impianti idraulici o elettrici;
  • l’installazione di sistemi per il rilevamento delle perdite di gas;
  • il montaggio di vetri antinfortunistici;
  • il montaggio di corrimano.

Un’altra buona notizia è che oltre alle spese direttamente collegabili ai lavori di ristrutturazione, è possibile includere anche i costi relativi all’amministrazione e alla stesura del progetto di rinnovo. Inoltre, la spesa detraibile comprende l’IVA.

Image

Qual è il procedimento per ottenere il bonus ristrutturazione casa?

Per poter approfittare dell’agevolazione fiscale è necessario seguire un iter preciso, che comincia con la comunicazione tramite raccomandata all’Azienda Sanitaria Locale dell’inizio dei lavori.

Tutti i costi relativi ai lavori di ristrutturazione devono essere pagati tramite bonifico bancario o postale, in cui deve essere riportata sia la causale del versamento che il codice fiscale di chi beneficerà del bonus.

Per ottenere la detrazione, infine, è necessario includere nella dichiarazione dei redditi i dati catastali dell’edificio in questione. L’Agenzia delle Entrate inoltre invita a conservare una serie di documenti che potrebbero essere richiesti durante le fasi di accertamento. Nello specifico:

  • le eventuali autorizzazioni amministrative per cominciare i lavori, ottenute dagli enti designati, oppure una dichiarazione sostitutiva che indica la data di inizio dei lavori;
  • la domanda di accatastamento dell’immobile;
  • le ricevute di pagamento dell’IMU;
  • i documenti relativi alla ripartizione delle spese, se i lavori sono stati effettuati in parti comuni di un edificio residenziale;
  • la copia della comunicazione di inizio lavori inviata all’ASL;
  • i bonifici e le ricevute di pagamento relative agli interventi.

Se i lavori eseguiti includono interventi mirati al risparmio energetico dovrai comunicare anche all’Enea, l’Agenzia Nazionale per l’Efficienza Energetica, le informazioni relative alla ristrutturazione entro 90 giorni dal suo completamento, in modo da ottenere l’ecobonus descritto di seguito.

Agevolazioni per il risparmio energetico in casa: l’ecobonus

Tra le agevolazioni del 2022, la nuova legge di bilancio ha confermato la proroga dell’ecobonus al 65%, che sarà in vigore fino alla fine del 2024. Questo incentivo riguarda tutti quegli interventi di ammodernamento che vanno a ridurre l’impatto ambientale della casa attraverso il risparmio di energia. Facendo lavori che migliorano l’efficienza energetica della tua residenza, infatti, hai diritto a una detrazione dall’IRPEF oppure dall’IRES, che varia a seconda del tipo di operazione effettuata.

Le agevolazioni fiscali per la riqualifica energetica della casa esistono già da qualche anno e riguardano interventi come:

  • riqualificazione globale dell’edificio
  • l’installazione di impianti fotovoltaici;
  • l’isolamento termico dell’abitazione;
  • lavori mirati alla riduzione del consumo energetico per il riscaldamento;
  • l’installazione di device per il controllo in remoto degli impianti di riscaldamento;
  • la sostituzione di impianti di riscaldamento esistenti con sistemi ibridi

Come spiegato dalla guida redatta dall’Agenzia delle Entrate, per la maggior parte di questi lavori il bonus per la ristrutturazione è pari al 65% delle spese, da ripartire in 10 rate annuali di importo uguale. L’agevolazione al 50% invece riguarda:

  • l’installazione di schermature solari
  • la sostituzione di serramenti e infissi
  • la sostituzione di impianti di riscaldamento esistenti con caldaie a condensazione di classe A;
  • l’installazione di caldaie a biomassa.

Per poter richiedere l’ecobonus è necessario presentare una serie di documenti che dimostrano l’adempimento ai requisiti tecnici previsti dalla legge. In particolare serve la certificazione di un tecnico qualificato che garantisca la conformità degli interventi, una scheda informativa che descriva le operazioni effettuate e, in alcuni casi, l’attestato di prestazione energetica (APE) contenente i dati sul consumo energetico dell’edificio.

La documentazione va inviata all’Enea entro 90 dalla conclusione dei lavori assieme a una copia del bonifico versato alla ditta che ha compiuto i lavori e il codice fiscale al quale verrà applicata la detrazione.

Bonus ristrutturazione casa: un’opportunità da non perdere sia per abitare che per vendere

L’opportunità di ristrutturare casa riducendo le spese del 50% è un ottimo incentivo sia per chi prevede di abitare nello stesso luogo a lungo termine che per chi intende sistemare una casa prima di venderla.

In Casavo sappiamo bene come una casa rimessa a nuovo ed efficiente dal punto di vista energetico garantisca un aumento di valore non indifferente. Valutare case, infatti, è quello che facciamo tutti i giorni. Se sei in cerca di un occhio esperto che ti aiuti a capire il prezzo di vendita della tua abitazione in modo rapido, preciso e imparziale, saremo ben felici di aiutarti. Siamo sempre pronti a metterci al lavoro per te, anche quando non si tratta di una ristrutturazione.

10 case famose che hanno fatto la storia del cinema
Casavo

10 case famose che hanno fatto la storia del cinema

Ville nobiliari, antichi palazzi e grandi saloni hanno fatto sognare gli spettatori di ogni epoca. Scopri quali sono le case più belle della storia del cinema!

10 consigli e idee fai da te per arredare una casa piccola
Casavo

10 consigli e idee fai da te per arredare una casa piccola

Hai una casa piccola e hai voglia di cambiarne l'arredamento? Vieni a leggere i dieci consigli fai da te di Casavo!

10 consigli e idee per arredare casa con colori pastello
Casavo

10 consigli e idee per arredare casa con colori pastello

Come usare i colori pastello per dare al proprio arredamento un tocco di primavera o di design vintage che ammicchi agli anni ’40 e ’50. Scopri di più!

Ottieni una valutazione immediata online