It’s a match! 🫶 Vendere tua casa è ancora più semplice.Scopri la nostra nuova funzionalitàlink
Casavo's logo

Casavo Perché

Supporto

Lo sappiamo, vuoi vederci chiaro.

Ecco le risposte alle domande frequenti.

Chi siamo e cosa facciamo?

Altre domande? Vieni qui

O preferisci parlare?

Puoi chiamarci dal lunedì al venerdì, dalle 9.30 alle 17.30. Ah, la chiamata è a nostro carico.

Indietro

Casavo Perché

Lista degli articoli

Casavo03 aprile, Il team di Casavo

Come si calcola la rendita catastale di un immobile

https://images.reactbricks.com/original/692591c4-7cd1-4001-b229-125a57b7c3e7.png

La rendita catastale di un immobile è un parametro di grande importanza per determinare il valore di reddito attribuito a un bene dall’Agenzia delle Entrate.

Sapere a quanto ammonta questo valore serve soprattutto per fare chiarezza sulla base fiscale con cui vengono determinate le tasse da pagare su una proprietà quando hai intenzione di vendere o comprare casa.

Se vuoi saperne di più sull’intricato mondo delle imposte sulle proprietà immobiliari prima di comprare casa, prendi la calcolatrice e seguici per conoscere il valore dell’immobile che ti interessa acquistare.

Rendita catastale: cos’è e quando serve

Vediamo più nello specifico cos’è la rendita catastale. La definizione ufficiale ce la fornisce l’ordinamento italiano con il R.D. n.652 del 1939. All’articolo 9 leggiamo: “È la rendita lorda media ordinaria ritraibile previa detrazione delle spese di riparazione, manutenzione e di ogni altra spesa o perdita eventuale”.

Non sono parole semplicissime, ce ne rendiamo conto. Proviamo a semplificarle al massimo: la rendita catastale è il valore attribuito per calcoli fiscali a qualsiasi edificio in grado di generare o produrre reddito. Assume particolare rilevanza quando dobbiamo:

Per determinare a quanto ammonta è molto importante conoscere la categoria catastale a cui appartiene l’immobile. Sotto il profilo fiscale, infatti, esiste una notevole differenza tra strutture destinate a uso abitativo e semplici magazzini, tra un box auto e una casa di cura. In Italia esistono quattro macro-tipologie diverse di categorie catastali, vediamo come sono suddivise.

Image

Quali sono le categorie catastali?

Gli immobili vengono raggruppati in quattro grandi categorie catastali. Ognuna di esse è poi suddivisa in sottocategorie che a loro volta vengono ripartite in ulteriori classi.

Gruppo A

È il gruppo a cui appartengono le abitazioni e le strutture assimilabili ad abitazione, come ad esempio gli uffici. Il gruppo è suddiviso a sua volta in sottocategorie dall’A/1 all’A/11. La consistenza catastale dei beni di questo gruppo è calcolata in vani.

Gruppo B

Categoria riservata agli edifici di alloggio collettivo con carattere sociale o comunitario, come prigioni, ospedali e scuole, misurati in metri cubi e suddivisi in otto sottogruppi.

Gruppo C

Raccoglie le strutture a uso vario e commerciale, quindi negozi e magazzini, ma anche box auto, classificati da C/1 a C/7. L’unità di misura catastale è il metro quadro.

Gruppo D

È il gruppo che raccoglie invece alberghi, cinema, teatri, fabbricati rurali e altri immobili a fine di lucro raccolti in dieci sottocategorie. La rendita in questo caso viene stabilita in base a una stima diretta.

Esistono, poi, due ulteriori gruppi, E ed F, che includono i beni a destinazione particolare di uso pubblico (dalle stazioni ai cimiteri, passando per i semafori) e le entità urbane.

Ogni immobile appartiene quindi a una specifica categoria catastale in base alla quale è possibile determinare con la giusta unità di misura le dimensioni del bene, se in vani, metri quadri o metri cubi. È questa la base di partenza per il calcolo della rendita catastale.

Categorie catastali e rendita catastale

Adesso che conosciamo le diverse categorie catastali torniamo alla rendita catastale e a come si calcola. La formula generale si basa su due fattori:

  • la dimensione dell’immobile, da misurare in vani, metri cubi o metri quadri in base alla classe d’appartenenza;
  • la tariffa d’estimo, un coefficiente di calcolo che varia a seconda di diversi fattori.

Le tariffe d’estimo vengono stabilite dall’Agenzia delle Entrate del Territorio sulla base della destinazione d’uso del bene e della zona in cui si trova.

Rimanendo nell’ambito degli edifici a uso abitativo, per stabilire il valore degli immobili le città vengono suddivise in diverse zone censuarie a cui vengono attribuiti differenti coefficienti per il calcolo finale. A parità di dimensioni, un appartamento nel centro storico di Milano avrà un valore di partenza più alto rispetto a uno nella periferia industriale, per fare un esempio.

Per individuare le tariffe d’estimo possiamo consultare il sito della Gazzetta Ufficiale. Se conosci zona censuaria, classe e numero di vani puoi determinare la rendita catastale di un immobile in pochi semplici passaggi.

Rendita catastale: esempio di calcolo

Cerchiamo di capire ancora meglio la rendita catastale e come si calcola con un esempio. Prendiamo un appartamento della categoria A nella città di Roma con le seguenti caratteristiche:

  • zona censuaria 2;
  • sottocategoria A/2, abitazione di tipo civile di classe 1;
  • 3 vani totali.

Secondo la tabella della Gazzetta Ufficiale, la tariffa d’estimo per questo tipo di immobile è pari a 216,91€.

Per determinare la rendita del bene, quindi, ci basterà moltiplicare il valore della tariffa per il numero dei vani, quindi:

  • 216,91×3= 650,73€

Questa cifra sarà quindi il valore di partenza per calcolare tutte le imposte relative all’acquisto, al possesso e alla vendita del nostro bene a Roma.

Non è sempre semplice farsi un’idea precisa delle tasse da pagare per comprare o vendere casa. Con questo articolo speriamo di aver fatto un po’ di chiarezza su cos’è la rendita catastale e come si calcola.

Adesso che ne sai di più, sta a te scegliere come e dove acquistare casa. La nostra piattaforma annunci ti mette a disposizione tante offerte disponibili subito a Milano, Torino, Firenze, Roma, Bologna e Verona. Inizia sin da oggi a pensare alla tua casa di domani.

10 case famose che hanno fatto la storia del cinema

Idee & Consigli · 20 maggio

10 case famose che hanno fatto la storia del cinema

Ville nobiliari, antichi palazzi e grandi saloni hanno fatto sognare gli spettatori di ogni epoca. Scopri quali sono le case più belle della storia del cinema!

Continua a leggere

Ottieni una valutazione immediata online